Covid colpisce anche il cervello: sintomi in 3 malati su 4

Giu 26, 2020 by

Covid colpisce anche il cervello: sintomi in 3 malati su 4Non solo i polmoni: Covid-19 può colpire anche il cervello. Accade in circa 3 pazienti su 4 secondo uno studio condotto dall'ospedale San Paolo e dall'università Statale di Milano, in collaborazione con i principali centri neurologici dei Paesi europei. Nel lavoro, pubblicato sull''European Journal of Neurology', i principali disturbi riscontrati vanno dalla cefalea alle mialgie, all'encefalopatia. La ricerca – realizzata dalla Clinica neurologica III del presidio ospedaliero San Paolo dell'Asst Santi Paolo e Carlo, e dal Centro di ricerca 'Aldo Ravelli' di UniMi – si è basata su un'indagine condotta attraverso questionari online composti da 17 domande, distribuiti ai medici europei impegnati nel fronteggiare la pandemia di coronavirus Sars-CoV-2. Sono stati raccolti più di 2.300 questionari che riportavano appunto la presenza di sintomi neurologici in circa tre quarti dei pazienti. Per gli autori, lo studio suggerisce che "si sta aprendo un nuovo capitolo nei libri di neurologia" e che "i neurologi potranno avere un ruolo importante nella gestione della pandemia e nei suoi esiti". "I meccanismi responsabili dell'interessamento neurologico sono molteplici – spiega Alberto Priori, direttore della Clinica neurologica III del San Paolo, professore del Dipartimento di Scienze della salute in Statale e fra gli autori dello studio – Possono essere diretti per effetto della diffusione del virus nel tessuto nervoso, come dimostrato proprio qui al Polo universitario San Paolo dove per la prima volta è stato identificato col microscopio elettronico il virus e i danni tissutali correlati all'infezione". Ma "ci sono anche meccanismi indiretti, come per esempio l'importante attivazione della coagulazione del sangue, che possono portare a ictus. L'importanza dello studio – evidenzia l'esperto – è che a livello europeo si è dimostrato che i sintomi neurologici sono frequentemente riscontrabili". Ora saranno da "valutare le complicanze neurologiche tardive dell'infezione – sottolineano da San Paolo e UniMi – poiché in molti dei pazienti più gravi poi guariti si riscontrano alterazioni neurologiche che richiedono uno stretto monitoraggio e la collaborazione tra molti specialisti con un percorso riabilitativo complesso che può essere anche molto lungo".



Yahoo Notizie – Ultime Notizie dall’Italia e dal Mondo

read more

Droga ed estorsioni, 8 arresti: c'è anche il padre di Desirée

Apr 16, 2020 by

Droga ed estorsioni, 8 arresti: c'è anche il padre di Desiréedi Silvia MancinelliI carabinieri di Cisterna di Latina e di Aprilia hanno eseguito, alle prime ore dell’alba, otto ordinanze di custodia cautelare, a carico di presunti componenti di un gruppo criminale attivo a Cisterna. Il gruppo, come emerso dalle indagini dei carabinieri, è dedito allo smercio di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina, e a operazioni di recupero crediti a carattere estorsivo. Tra le otto persone destinatarie delle misure cautelari c'è anche il padre di Desirée Mariottini, la 16enne romana trovata senza vita in uno stabile abbandonato del quartiere San Lorenzo di Roma il 19 novembre 2018. Gianluca Zuncheddu, che fino a lunedì scorso sulla sua pagina Facebook lasciava messaggi d'amore alla figlia morta per un mix di farmaci e droga dopo esser stata ripetutamente stuprata, è dunque tra i cinque rinchiusi oggi nel carcere di Latina. Uno degli otto era già recluso, sempre per droga, altri due, invece, sono ai domiciliari. Secondo le indagini che questa mattina hanno portato al suo arresto, Gianluca Zuncheddu sarebbe l'organizzatore dello spaccio di stupefacenti nel territorio di Cisterna di Latina. Da febbraio ad agosto del 2018, due mesi prima che la figlia Desirée venisse trovata senza vita, avrebbe gestito personalmente la consegna a domicilio della droga, cocaina soprattutto ma anche hashish e marijuana, ai soli clienti fidati dei quali prendeva le "ordinazioni" per telefono. A quel punto incaricava due pusher di portare la merce ai destinatari e, una volta portato a termine il servizio, li stipendiava.



Yahoo Notizie – Ultime Notizie dall’Italia e dal Mondo

read more