Salvini: "Mio figlio su moto d'acqua della polizia? Errore da papà"

Lug 30, 2019 by

Salvini: "Mio figlio su moto d'acqua della polizia? Errore da papà""Mio figlio sulla moto d'acqua della Polizia? Errore mio da papà, nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese''. Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini a proposito del video, diffuso dal sito di Repubblica, che mostra il figlio del vicepremier Matteo Salvini, a Milano Marittima, su una moto d'acqua della Polizia di Stato a pochi metri dalla spiaggia e su cui, fanno sapere fonti della questura di Ravenna, "è in corso un accertamento per verificare se ci sia stato un uso improprio di mezzi dell'amministrazione". "So che la questura sta facendo le sue verifiche, ma non credo che gli italiani perdano il sonno per sapere se il figlio di Salvini fa un giro con una moto d'acqua della Polizia" ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede a 'In onda' su La7. "Mi dispiace per i poliziotti che sono stati messi in difficoltà e credo che i giornalisti abbiano fatto il proprio lavoro. Ma credo che nella vita ci siano della priorità, tra queste per me non c'è quella di commentare questa vicenda".  "Il figlio di Salvini sulla moto d'acqua della polizia? Onestamente non ne so nulla, penso solo a lavorare sul decreto sicurezza bis. Certo, anche a me piacerebbe passare una giornata al mare con i nipotini…". Lo dice all'Adnkronos il sottosegretario M5S al Viminale, Carlo Sibilia.  "Secondo le ultime notizie di stampa la questura di Ravenna avrebbe avviato un accertamento. E' un peccato che uomini dello Stato debbano usare il tempo per andare dietro a queste cose. Abbiamo questioni molto serie di cui occuparci ai fini della sicurezza nazionale…", conclude Sibilia. "Questa cosa mi fa inc… Ho grande rispetto per le forze di polizia e ogni volta che vengono utilizzate come l'ultimo dei parchi giochi divento pazzo" dice il leader del M5S in Sicilia Giancarlo Cancelleri. "E mi fa inc… ancora di più che lo faccia tu che sei il Ministro dell'Interno che per fare il figo con tuo figlio stai dando un messaggio sbagliato al Paese. O sei il Ministro dell'Interno o sei il marchese del Grillo".  A stretto giro la replica su Twitter di Emanuele Fiano, del Pd: "I mezzi della Polizia servono per garantire la nostra sicurezza, non per far divertire la famiglia del Salvini di turno, e i poliziotti non possono essere messi in difficoltà dalla deferenza verso il Ministro con rischi per loro e per il ragazzo".



Yahoo Notizie – Ultime Notizie dall’Italia e dal Mondo

read more

Lo sfogo di Salvini

Lug 20, 2019 by

Lo sfogo di SalviniDa Helsinki lo scontro con Francia (Castaner) e Germania (Seehofer) sul tema caldo dei porti di sbarco per i migranti non sembra poi così rilevante. A tenere banco, dalla capitale finlandese, è un Matteo Salvini che sembra ormai ad un passo dalla rottura dell'alleanza di governo. La corda che lo lega con Di Maio sembra troppo logora "perché io non mi fido più", si sfoga il ministro dell'Interno italiano. "Una mancanza di fiducia, anche personale" nei confronti di Di Maio, di "cui mi sono fidato per mesi e mesi". A pesare soprattutto gli ultimi attacchi pentastellati, che sulla vicenda Russia non fanno sconti al leghista. "Un giorno è Di Maio, un giorno è Conte, un giorno Fico, noi andiamo avanti sui fatti, lascio a Di Maio i suoi sfoghi", ha detto ancora Salvini. "Quando sono capitate queste cose a amici dei 5 Stelle io non sono mai entrato nel merito", ha sottolineato il ministro dell'Interno, riferendosi al caso Moscopoli. "Quando hanno toccato qualcuno di loro – ricorda il vicepremier – qualche fratello, qualche amico, qualche padre, non mi son permesso di dire mezza parola, sarebbe carino che quelli che governano con me si fidassero di me, quando dico che non abbiamo mai visto una lira". Salvini ribadisce la sua accusa di inciucio, per ora solo in salsa Ue tra M5S e Pd. "Noi abbiamo preso atto della svolta storica di Di Maio, con Renzi, Macron e Berlusconi". E il suo ritornello da quando la Vor der Leyen è stata eletta a Stasburgo. E sentirsi attaccato per aver complicato – dopo il suo no alla delfina della Merkel – la nomina di un italiano in Commissione non gli va proprio giù: "Ci mettessero chi volessero, la dignità vale di più". Oggi l'ipotesi del voto anticipato non è più fantascienza. "Il voto a settembre? Una domanda da fare ad altri" – leggi Sergio Mattarella – che "è garante del fatto che questo rimanga un paese democratico", spiega, ricordando come, comunque, la finestra elettorale resta ormai aperta. "come questo cielo di Helsinki".  Salvini attacca anche Conte "perché la sua lettera di oggi, in cui parlava di tradimenti, non l'ho apprezzata". Io danneggio l'Italia? "Gli auguro di essere fortunati a Conte e Di Maio, non vedo la Merkel e Macron che fanno interesse italiano".  E sulle voci che lo vorrebbero in riavvicinamento con Berlusconi, il leader del Carroccio resta vago: "Non ho nostalgia per il passato, ringrazio Berlusconi e Putin che confermano il fatto che non abbiamo preso soldi dalla Russia, io guardo al futuro, ma se il presente è costellato di no e insulti è difficile lavorare così".  Poi lo attende un volo di oltre tre ore, che dovrebbe riportarlo diretto al Consiglio dei ministri di domani. Ma Salvini fa capire che non è aria. "Non vado al Consiglio dei ministri e neanche al vertice sulle autonomie, ci sono tanti altri validi leghisti", dice salutando Helsinki il ministro.  "Quando si approssima il venerdì – ha aggiunto – è un giorno importante, perché ci sono i figli. Il venerdì è dedicato ai figli e non a Di Maio". Prima gli italiani, anzi i figli, come aveva già detto, a inizio giornata, al suo omologo tedesco che lo prendeva in giro: "Sto facendo gli auguri a mio figlio Federico per il suo onomastico", rispondeva a Seehofer che gli aveva domandato ironico, avendolo visto con il cellulare in mano, se stesse già twittando per dire che i tedeschi sono cattivi con gli italiani.



Yahoo Notizie – Ultime Notizie dall’Italia e dal Mondo

read more